SISTEMI GECOL TERM SATE (ETICS)

¿Qué es un puente térmico?

El Código Técnico de la Edificación, en su Documento Básico HE, sección HE1, define el puente térmico como:

 

“Aquella zona de la envolvente térmica del edifico en la que se evidencia una variación de la uniformidad de la construcción, ya sea por:

 

• Un cambio del espesor del cerramiento o de los materiales empleados.

• La penetración completa o parcial de elementos constructivos con diferente conductividad.

• La diferencia entre el área externa e interna del elemento, etc., que conlleva una minoración de la resistencia térmica respecto al resto del cerramiento.”

¿Se puede empezar un Sistema SATE sin perfil de arranque?

Previamente y en todo momento se deberá respetar lo indicado en el CTE/ DB-HS-1:

 

“Debe disponerse de una barrera impermeable que cubra todo el espesor de la fachada a más de 15 cm. por encima del nivel del suelo exterior para evitar el ascenso de agua por capilaridad o adoptar otra solución que produzca el mismo efecto”.

 

Para evitar la transmisión de humedad por capilaridad y golpes, es obligatoria la colocación de los perfiles de arranque, que se colocan horizontalmente respetando un zócalo de unos 15 cm, de esta manera permite realizar de forma uniforme el arranque de la colocación de las placas.

 

Por otro lado, en cuanto a la impermeabilización del zócalo que queda situado debajo del perfil de arranque, es recomendable la utilización de los morteros de la gama GECOL Imper.

¿Cómo se colocan los perfiles de arranque?

Horizontalmente en el límite inferior de la zona a revestir, respetando un zócalo de unos 15 cm para evitar la transmisión de humedad por ascensión capilar.

 

Los perfiles se colocan antes que las placas de aislamiento, lo que permite realizar de manera uniforme el arranque de la colocación de dichas placas y así crear una zona de protección contra las humedades, golpes, etc.

 

Para su fijación se utilizan tornillos cincados y tacos adecuados al soporte. Las fijaciones se deben colocar a una distancia de 30 cm y en los encuentros o vértices no inferior de 15 cm. Para obtener una correcta nivelación se recomienda el uso de GECOL Distanciadores.

 

Los perfiles deben separarse entre sí unos 2 o 3 mm para evitar posibles contactos producidos como consecuencia de las dilataciones.

¿Se puede instalar un SATE de forma soterrada?

Los pasos a seguir serían los siguientes:

 

1. Impermeabilización del soporte soterrado con uno de los morteros de la gama GECOL Imper.

 

2. Colocación de aislante GECOL XPS con el mortero adhesivo GECOL Term.

 

3. Fijación del aislante GECOL XPS con GECOL Taco de anclaje.

 

4. Regularización y endurecimiento con GECOL Term + GECOL Malla.

 

5. Impermeabilización con el mortero elástico GECOL Imper–E.

 

6. Colocación de la capa drenante y filtrante.

 

7. Crear una capa de compresión.

 

8. Sellado con el mástico elástico G#color Elastic–MS.

 

9. Seguir posteriormente las indicaciones de la instalación de SATE a nivel del suelo.

¿Qué función tiene el adhesivo de la placa aislante?

El mortero adhesivo GECOL Term tiene una triple función:

 

  1. Soportar y adherir el material aislante sobre el paramento del edificio.
  2. Restringir los movimientos de dilatación, contracción y alabeo del aislamiento.
  3. Regular o ajustar la planicidad de la instalación por defecto en el paramento, siempre que sea inferior a 10 mm medido con regla de 2 m.

 

La forma de colocación de las placas aislantes con el adhesivo GECOL Term puede ser:

– Soportes no regularizados:

 

A. Cordón perimetral más pelladas en el centro.

B. Cordón con máquina de proyección.

– Soportes regularizados:

 

Llana dentada sobre el reverso de la placa de aislamiento.

¿Qué tipo y cuando utilizar los tacos de fijación?

GECOL dispone de una amplia gama de tacos de fijación, pudiendo ser de percusión (impacto) o atornillados.

 

Las fijaciones de anclaje mecánico más habituales son:

 

– GECOL Taco de fijación:

Taco de polipropileno con núcleo de poliamida para instalación por percusión y apto para soportes A, B y C.

 

Se recomiendan tacos de fijación de apertura en tres dimensiones para ladrillo cerámico hueco (GECOL Taco de fijación 3D).

 

– GECOL Taco de fijación – A Impacto:

Taco de polipropileno con núcleo metálico para instalación por golpeo, apto para soportes A, B, C y D.

 

– GECOL Taco de fijación – A:

Taco de polipropileno con núcleo metálico para instalación atornillada sobre soportes A, B, C, D y E.

 

– GECOL Tornillo de fijación:

Espiga de plástico compuesta por una arandela, también de plástico, y un tornillo, que permite atornillar paneles de aislamiento en soportes de madera o en chapa de acero.

Las fijaciones se deberán determinar en función del tipo de soporte, siendo:
A- hormigón, B- ladrillo macizo, C- ladrillo hueco, D- hormigón ligero, E- hormigón celular.

 

En esta tabla se muestran los distintos tipos de soportes:

¿Por qué se debe aplicar una capa de imprimación en los acabados acrílicos?

GECOL Cril fondo sirve como puente de unión entre la capa base del mortero GECOL Term y el revestimiento acrílico de acabado GECOL Revestcril, mejorando la adherencia de este último.

 

Tiene además la función de regularizar, tanto la absorción de la capa base que recubre el aislamiento, como para capas de acabado con textura acanalada o rugosa, en las cuales se transparente el color del fondo.

 

Como igualador tonal, debe de ser del mismo color que el acabado final.

 

Para la aplicación de la capa de imprimación GECOL Cril fondo se deben respetar los tiempos de secado del mortero (humedad inferior al 3%) y cubrir toda la superficie con un rodillo (prestar máxima atención al espesor de aplicación).

¿Qué se consideran puntos singulares en un SATE?

Los puntos singulares en una fachada son aquellos en los que se acumula mayor tensión o son más sensibles por las características intrínsecas de la obra o proyecto constructivo, destacando entre otros:

 

• Puertas y ventanas:

Para la correcta aplicación de un Sistema SATE hay que prestar especial atención a los cantos de los huecos de ventanas o puertas y a las discontinuidades entre materiales.

 

Antes de realizar la capa de base armada se deberá reforzar las zonas singulares, como esquineros, con malla de fibra de vidrio, solapándola con la malla de la capa de base.

 

Asimismo, es necesario colocar cantoneras de refuerzo en todas las aristas.

 

• Alféizares:

Debajo de la pieza que hace el alféizar debe colocarse una placa aislante para evitar la formación de puentes térmicos.

• Aleros y albardillas:

En los encuentros del Sistema entre aleros, cornisas y albardillas debe realizarse una junta elástica de 5 mm, para ello se empleará G#color Elastic–MS. De este modo se evitará transmisión de movimiento de estos a las placas.

 

Según el CTE/DB-HS-1 en su art. 2.3.3.7: Antepechos y remates superiores de las fachadas:

 

“Los antepechos deben rematarse con albardillas para evacuar el agua de lluvia que llegue a su parte superior y evitar que alcance la parte de la fachada inmediatamente inferior al mismo o debe adoptarse otra solución que produzca el mismo efecto. En los elementos de vuelo de elevadas dimensiones se ha de dar el mismo tratamiento que en una cubierta con el objetivo de garantizar la impermeabilidad y el aislamiento del detalle concreto”.

 

Actualmente existen diversas soluciones constructivas dentro de los Sistemas SATE, que garantizan la correcta solución del detalle, cuando no se considere la colocación de la albardilla u otros elementos de vuelo.

 

• Esquinas:

Las esquinas deben estar protegidas con perfiles metálicos o de PVC, que sirven para reforzar estos puntos críticos, además de facilitar la obtención de una verticalidad y uniformidad adecuada para un acabado idóneo.

En todos los casos se recomienda utilizar esquineros provistos de malla.

 

Hay que rematar las esquinas presionando el tejido de malla para que penetre sobre la capa base de mortero fresco.

 

Es imprescindible evitar la unión de las distintas tiras de cantoneras con el objetivo de impedir se produzcan fisuras horizontales por dilatación.

 

• Emplazamiento del andamio:

Es aconsejable el uso de andamio tubular, que debe de colocarse de forma que la distancia libre entre la fachada y la parte más cercana del andamio sea superior al espesor del aislamiento más 8 cm.

 

Los anclajes de los andamios fijados en la fachada deben ser un cáncamo roscado que, una vez ajustado, debe dejar la cabeza de este a una distancia superior al espesor del aislamiento más 5 cm.

¿Cuáles son las especificaciones del soporte en un Sistema SATE?

Para la correcta instalación de un SATE, se debe contar en todo momento con un soporte adecuado por lo que, el tratamiento previo del mismo será la primera labor a realizar.

El soporte debe tener unas características mínimas de estabilidad, cohesión, resistencia, planimetría, contenido de humedad y limpieza. Además tendrá la capacidad portante suficiente para resistir las cargas combinadas de peso propio, peso aportado por el SATE así como las de viento transmitido.

 

Estos trabajos de adecuación del soporte deben realizarse de manera concienzuda, ya que el éxito de la intervención vendrá directamente condicionado por ello.

 

Especificaciones y requisitos del soporte:

 

1. En obra nueva:

 

 Los soportes deberán presentar una superficie plana (fábrica cerámica con las juntas sin salientes, hormigón o mortero de enfoscado).

 

–  Sin irregularidades significativas o desniveles no superiores a 10 mm bajo una regla de 2 m.

 

–  Con una resistencia adecuada para soportar
el revestimiento y que haya transcurrido el tiempo de curado necesario desde el final de su ejecución para que reúna las condiciones de estabilidad adecuadas.

 

–  Debe estar limpio y ser consistente, ser absorbente y exento de polvo o desencofrantes.

 

2. En obras de rehabilitación:

 

–  Debe ser consistente, sin fisuraciones y no envejecido, eliminando y reparando todas las partes friables.

 

–  Eliminar todos los restos de suciedad y contaminación existentes en la superficie (proliferación de microorganismos, acumulaciones de suciedad, etc.), mediante la aplicación de un agente biocida y el lavado posterior con agua limpia a presión.

 

–  Los soportes de hormigón deteriorados deberán ser reparados con un mortero da la gama GECOL Reparatec, incluyendo el tratamiento de las armaduras ante posibles deterioros u oxidación.

 

–  Reparar las zonas fisuradas, siempre que las fisuras sean estables y tengan una apertura superior a 2 mm.

 

–  Eliminación de la capa de pintura existente.

 

–  Se mantendrán las conducciones exteriores de agua, gas y electricidad originales, permitiendo la accesibilidad a las mismas cuando sea necesario.

¿Se puede empezar el SATE a nivel del suelo?

Para ello únicamente se puede utilizar un material aislante y resistente a la humedad como GECOL XPS, siendo los pasos a seguir:

 

1. Impermeabilización del soporte y zócalo del edificio (1 metro) con un mortero de la gama GECOL Imper y ejecución de la media caña.

 

2. Colocación del material aislante GECOL XPS a 10 mm de la cimentación con el mortero adhesivo GECOL Term y posterior sellado con el mástico G#color Elastic–MS.

 

3. Fijación mecánica con GECOL Tacos de fijación del GECOL XPS.

 

4. Colocación del perfil de arranque a 10 mm sobre el aislante GECOL XPS rellenando posteriormente con G#color Elastic–MS.

 

5. Colocación con GECOL Term y posterior GECOL Taco de fijación de la placa aislante prescrita.

 

6. Regulación y endurecimiento de las placas de aislamiento con GECOL Malla 330 anti vandálica de alto refuerzo.

 

7. Colocación de GECOL Malla 160 cubriendo las uniones con GECOL Term.

 

8. Aplicación del revestimiento de acabado hasta 15 mm de la cimentación.

 

9.Colocación de rodapié cerámico con adhesivos deformables (S1 o S2) de la gama G100.

¿Cómo se colocan los paneles de aislamiento?

La colocación de los paneles aislantes se realizará con el mortero adhesivo GECOL Term y se situarán de forma contrapeada, de abajo hacia arriba presionando de manera uniforme para conectarlos, partiendo de las aristas del edificio.

 

Es importante que en las esquinas del edificio se coloquen paneles enteros o bien medios paneles y que estos se encuentren perfectamente macizados y adheridos al soporte base.

 

En todo momento se comprobará que las planchas de aislamiento se han fijado correctamente al soporte, siguiendo las recomendaciones de las normas EN 13499 y EN 13500.

 

Seguidamente se colocarán las fijaciones mecánicas (GECOL Taco de anclaje) una vez han sido instalados los paneles de aislamiento.

 

Durante la colocación, se controlará la ausencia de resaltos o cejas entre las placas de aislamiento. En caso de presentarse eliminar mediante lijado
y posterior limpieza.

 

Se comprobará que las juntas entre planchas de aislamiento encajan a tope unas con otras y se evitará que se colmaten de adhesivo.

 

Se rellenarán los espacios abiertos entre paneles con tiras del mismo material aislante.

 

Retirar el exceso de adhesivo para evitar la formación de puentes térmicos.

 

Las tuberías ocultas serán marcadas para evitar que pudieran ser perforadas por el taladro a la hora de colocar los tacos de fijación u otro tipo de fijación en posteriores operaciones de anclaje.

¿Cómo se determina el número de tacos de fijación a colocar?

El número de tacos de fijación se calcula en función de la altura del edificio o situación (superficie, borde), y en cuanto a los requerimientos de longitud y diámetro, dependerá de las características del muro soporte y del tipo de aislante a colocar.

 

Las fijaciones mecánicas se colocan una vez se ha adherido el aislamiento y antes de embutir la armadura, y su distribución debe ser regular.

 

En algunos Sistemas específicos será necesario emplear mayor cantidad de tacos de fijación después del enfoscado armado (ej. Sistema GECOL TERM Acabado cerámico).

 

Hay que tener en cuenta que en las esquinas de los edificios se forman cargas de viento mayores, por ello hay que cerciorarse para que se haga una distribución homogénea de fijación con espigas de anclaje.

 

Las fijaciones deben colocarse perpendicularmente (ángulo de 90 grados) al sustrato, asegurando que la parte superior de la arandela esté perfectamente alineada con la superficie del material aislante, o mediante el uso de fijaciones específicas y brocas, para la aplicación de estas en el interior de la placa aislante, recubriendo posteriormente con un tapón aislante del mismo material.

 

En función del material aislante y sus dimensiones, hay distintas maneras de distribuirlas:

¿Qué peculiaridades tiene la colocación de un aislamiento de lana mineral?

Debido a la baja resistencia a la compresión de este tipo de Sistema, es necesaria la utilización de GECOL Arandela de PVC a modo de agente compresor, dando de esta forma una mayor resistencia y consistencia al conjunto.

 

También cabe recordar que el anclado con los tacos de fijación se realizan en todo momento en el interior de la lana mineral siguiendo los dibujos específicos.

¿Para qué sirve y cómo se coloca la capa base de regularización y endurecimiento de la placa aislante?

El proceso completo se realiza con el mortero adhesivo endurecedor GECOL Term.

 

La capa base tiene como función mejorar las prestaciones mecánicas del Sistema SATE y además absorber las tensiones que puedan generarse entre las planchas de aislamiento.

 

Una vez colocadas las placas de aislamiento y reforzado todos los puntos singulares, se pasa a aplicar directamente sobre ellas el mortero de adhesivo y regularizador, con un espesor aproximado de 2 mm.

 

Esta capa de refuerzo y alisado se denomina capa base. Se recomienda extenderla con llana dentada a modo de regularización del soporte y aplicación de la misma carga en todos los puntos, ya que proporciona la mayor parte de las prestaciones mecánicas.

 

Mientras está fresca la capa base, se coloca la malla de refuerzo GECOL Malla (gramaje 160 g/ m2), cuyo tejido debe penetrar mediante presión sobre la primera capa de mortero fresco para que quede perfectamente embebida y sin pliegues.

Para una correcta colocación, la armadura deberá solaparse un mínimo de 10 cm entre tramos contiguos.

 

En el caso de utilizar una armadura anti vandálica, se coloca embebiéndola en la capa base y sin solapar, ya que su alta densidad superficial no permite montar dos capas de la misma malla.

 

Sin embargo, esto ocasionaría un alto riesgo de fisuras en las juntas a tope de las mallas.

 

Para evitarlas se deberá aplicar una segunda capa de mortero embebiendo una malla estándar (160 g/m2).

¿Existe una limitación de colores en el sistema?

Se recomienda que el índice de reflexión de la luz no sea inferior a 25 (siendo 0 = negro y 100 = blanco).

 

En cualquier caso, este valor deberá estudiarse para cada Sistema concreto ya que, en parte, depende de la situación del edificio, orientación, geometría y tipo de aislamiento utilizado.

¿Se pueden aplicar paños sin juntas de partición y/o dilatación?

Se deberán respetar en todo momento las juntas de dilatación existentes en el edificio, mediante los procedimientos de ejecución adecuados.

 

Cuando se realicen grandes zonas de aplicación de revestimiento, se deberán utilizar delimitadores de áreas, cintas de pintor en el caso de revestimientos acrílicos y junquillos de PVC en el caso de morteros minerales que producen el efecto de discontinuidad. De esta forma se evitan los empalmes de materiales y posibles efectos con destonificaciones.

 

En el caso de colocación de revestimientos acrílicos, se debe prestar una mayor atención y cuidado en la retirada de la cinta de pintor, para no dejar zonas huecas y faltas de adherencia por las cuales pueda penetrar el agua.

POSA DI PIASTRELLE E PIETRA

Posso utilizzare una malta in zone con basse temperature?

L’azione del freddo sulla malta, durante la fase di presa, ritarda o annulla l’idratazione dei componenti attivi del cemento o della calce.

 

In caso di freddo intenso, potrebbe congelarsi l’acqua di impasto, annientando le resistenze meccaniche della malta.

 

Per lavorare in queste condizioni, è necessario prendere le seguenti precauzioni:

  • Conservare i contenitori di prodotto al riparo dalle intemperie;
  • Riscaldare l’acqua di impasto fino a circa 40°C;
  • Proteggere con plastica o teli la malta già applicata;
  • Utilizzare un antigelo specifico, dosandolo seguendo le istruzioni indicate dal produttore;
  • Come norma abituale, è sconsigliato lavorare in periodi freddi o con temperature inferiori ai 5°C.

Stiamo realizzando un pavimento diafano di grandi dimensioni. Qual è la quantità massima di adesivo che posso applicare su una superficie?

Non esiste una regola precisa.

 

Una volta estesa la pasta sul supporto, bisogna considerare il tempo necessario affinché si formi la pellicola superficiale.

 

Tale pellicola impedisce il corretto inumidimento della piastrella e, di conseguenza, la corretta aderenza tra la piastrella e l’adesivo.

 

La velocizzazione di questo processo dipende da:

  • eccessivo calore;
  • supporto con elevata porosità;
  • molto vento.

 

È dunque molto importante controllare le condizioni della pasta applicata. Nel caso in cui si fosse già formata questa pellicola, basterà semplicemente passare nuovamente la spatola dentata (senza inumidire la pasta), poiché ci troviamo di fronte alla formazione di una pellicola di acqua anti-adesiva.

Posso applicare un rivestimento di piastrelle su un'impermeabilizzazione realizzata con carta catramata o gomma?

Uno dei requisiti necessari per la collocazione di piastrelle è la stabilità del supporto. 

 

Nel caso in cui i due sistemi di impermeabilizzazione appena menzionati mostrino coefficienti di dilatazione diversi da quelli che offerti da un qualsiasi adesivo cementizio, anche in caso di adesivi altamente deformabili (tipo S2).

 

Per evitare ciò, si consiglia di non applicare l’adesivo direttamente sull’impermeabilizzazione. Collocare una lamina tessile (per evitare i tagli) e successivamente un massetto di malta o calcestruzzo.

Su una superficie irregolare, è possibile utilizzare punti di adesivo?

Per l’utilizzo di un adesivo, è necessario l’utilizzo di una spatola dentata e, pertanto, tale tecnica si scontra con l’uso “a punti”. In quest’ultimo caso si avrà una minore aderenza, poiché corrisponderà esclusivamente alle aree in cui sono stati applicati i punti di adesivo.

 

Inoltre, avendo un adesivo più spesso, si avrà un maggior ritiro e una considerevole diminuzione dell’aderenza.

 

Si deve tenere presente che, data l’assenza di adesivo su tutta la superficie, qualsiasi colpo o perforazione potrebbe rompere il rivestimento. Anche un transito costante su una superficie vuota potrebbe provocare la perdita di aderenza della piastrella.

Posso utilizzare un adesivo convenzionale, o speciale per gesso, su un supporto in cartongesso?

Non si può.

 

Il cartongesso è una lastra di gesso deformabile, ricoperta da una lamina di carta ancorata ad una griglia per formare il muro dell’abitazione.

 

Pertanto, si richiede almeno un adesivo che possa aderire al rivestimento di carta e sufficientemente flessibile affinché possa assorbire le deformazioni e l’instabilità del muro in questione.

 

A tal fine, disponiamo di varie opzioni:

 

In ogni caso, consigliamo di consultare i nostri manuali tecnici per la posa delle piastrelle.

Quali precauzioni prendere per una posa di piastrelle a spolvero?

Per l’applicazione a spolvero è necessario che il supporto abbia un elevato indice di umidità.

 

Inoltre, è necessario prendere le seguenti precauzioni:

  • che il supporto non abbia iniziato a indurirsi;
  • idratare previamente e in maniera sufficiente il supporto;
  • realizzare piccoli piani di lavoro;
  • utilizzare l’adesivo GECOL Espolvoreo in modo omogeneo, impregnando l’intera parete di prodotto;
  • bagnare in modo regolare l’adesivo affinché risulti sufficientemente idratato;
  • unire le parti verificandone l’aderenza;
  • lasciare respirare i giunti fino a completa asciugatura del supporto (non stuccare prima di alcuni giorni).

Perché è meglio utilizzare un adesivo a presa rapida?

Gli adesivi a presa rapida, per il tipo di cemento con cui sono stati progettati, induriscono più rapidamente rispetto ad altri adesivi con cemento portland.

 

Ciò fa sì che l’acqua di impasto non interceda in modo negativo sui restanti additivi presenti negli adesivi.

 

Inoltre, essendo a presa rapida, il maltempo ha un effetto minore sull’aderenza.

 

Sono inoltre indicati per evitare la comparsa di macchie sulle superfici di marmo o altre pietre naturali o artificiali.

 

Il nostro catalogo di prodotti presenta adesivi a presa rapida con queste caratteristiche, come G100 Flexible rápido y GECOL Flexible fluido.

Per il rivestimento in ceramica di una canna fumaria, devo utilizzare una malta refrattaria?

Per il fissaggio di un rivestimento in piastrelle, è necessario utilizzare un adesivo cementizio per piastrelle.

 

Non solo è impossibile unirle con una malta (anche se refrattaria), ma è necessario prendere in considerazione le condizioni specifiche che andremo ad incontrare:

  • Il supporto raggiungerà importanti variazioni di temperatura (a seconda del fatto che la canna sia in funzione o meno)
  • Le piastrelle che resistono a queste condizioni devono avere una bassa porosità.

Date tutte queste particolarità, è necessario utilizzare un adesivo in grado di sopportare queste situazioni estreme, che ci garantiscano una giusta unione tra il rivestimento e il substrato, senza vedere diminuite le sue prestazioni con il trascorrere del tempo.

 

Per questo disponiamo di un adesivo deformabile ad alte prestazioni, a presa rapida, come il G100 Flexible rápido.

Sto applicando una malta e, con l'asciugatura, vedo che è molto debole. Può essere dovuto alle alte temperature?

Le malte presentano, nella loro composizione, un conglomerato idraulico (cemento o calce), ovvero, materiali che induriscono in presenza di acqua.

 

Se, a seguito dell’azione di alte temperature, la malta perde acqua prima dell’indurimento, il materiale di presa non raggiungerà la resistenza richiesta.

 

Affinché ciò non accada, si consiglia prima di bagnare il supporto, al fine di rinfrescarlo, riducendo così il grado di assorbimento dell’acqua presente.

 

In ogni caso, è sconsigliato l’impiego di indurenti idraulici (cemento o calce), con temperature superiori ai 35°C (misurati sul supporto).

Ho un supporto poco livellato e irregolare. Posso compensare tali irregolarità con la colla cementizia?

Uno dei requisiti di base, al momento di utilizzare un adesivo per piastrelle (colla cementizia), riguarda l’utilizzo di un supporto pulito, asciutto, stabile e l’applicazione di un adesivo corrispondente, sempre sul supporto, per mezzo di una spatola dentata.

 

Gli adesivi di ultima generazione permettono di lavorare con spessori fino a 15 mm (G100 Flexible premium, G100 Flex, G100 Súper, GECOL Extra).

 

O l’utilizzo di adesivi specifici per l’applicazione su strati spessi (GECOL Capa gruesa).

 

In questo caso, può essere fatto senza problemi.

 

Al contrario, qualora fosse necessario regolarizzare il supporto con spessori maggiori, si consiglia di provvedere preventivamente con una malta specifica a tale scopo, gamma GECOL Revoco.

 

Inoltre, l’applicazione di una maggiore quantità di adesivo di presa non garantisce una maggiore aderenza, poiché aumenta il ritiro della malta, diminuendo le sue prestazioni.

Ho collocato un gres porcellanato con un adesivo specifico a tale scopo, ma è stato necessario rimuovere alcuni pezzi per risolvere il problema. Cosa devo fare per far sì che questi pezzi siano completamente puliti?

Gli adesivi per la collocazione di piastrelle a basso assorbimento e pietre naturali o ricostituite, aderiscono esclusivamente in modo chimico e non meccanico. Questo significa che i pezzi di piastrella, privi di porosità, non permettono la penetrazione dei sottili filamenti di cemento.

 

Di conseguenza, l’aderenza di questi pezzi avviene per via chimica e non meccanica. Non potendo penetrare, questa aderenza si produce solo superficialmente. Tuttavia, non significa che non si ottengano elevati dati di aderenza.

Si possono attaccare delle piastrelle sulla vernice?

La vernice non è un buon alleato degli adesivi per piastrelle, dato che ci troviamo di fronte ad un supporto privo di porosità, con un coefficiente di dilatazione diverso, il quale deve sopportare un peso elevato (adesivo + piastrelle), un’elevata umidità nell’applicazione (adesivo) e un ritiro (adesivo), quindi l’adesione fallisce sempre.

 

Consigliamo, pertanto, l’eliminazione dello strato di vernice.

Posso utilizzare qualsiasi adesivo su una superficie di gesso?

Per nessun motivo, dato che l’unione di cemento e gesso è incompatibile con fenomeni di espansione del gesso che renderebbero impossibile l’applicazione.

 

Bisogna considerare che il cemento ha una maggiore resistenza rispetto al gesso, quindi facendo presa, parte del supporto esistente viene portato via.

 

La stessa cosa succede con altri supporti simili, come l’intonaco o l’anidrite.

 

Esistono in mercato adesivi che rendono compatibile il binomio gesso-cemento, come:

  • GECOL Yeso, un prodotto indicato per la posa di piastrelle convenzionali (assorbimento di acqua superiore al 3%);
  • GECOL Porcelánico yeso, nel caso di pezzi porcellanati o a basso assorbimento.

 

G100 Súper, G100 Flex e G100 Flexible premium, adesivi validi su supporti di gesso, purché questo sia resistente, pulito, stabile, con un certo spessore (1 cm) e in perfetto stato della presa.. In assenza di condizioni tali o di natura simile (intonaco, anidrite, intonaco fine), si consiglia di utilizzare il primer di adesione GECOL Primer-TP.

È possibile realizzare la posa di piastrelle a basso assorbimento con un adesivo convenzionale

No.

 

Il gres porcellanato e in generale le piastrelle a basso assorbimento, richiedono adesivi ricchi di resine.

 

A differenza delle piastrelle convenzionali, queste altre presentano un livello quasi nullo di assorbimento dell’acqua, per cui è necessario utilizzare adesivi a presa chimica.

 

Prodotti specifici come G100 Súper,G100 Flex e G100 Flexible premium, possiedono questi tipi di resine e additivi per una perfetta aderenza al supporto con piastrelle a basso assorbimento.

 

Pertanto, consigliamo di consultare i nostri manuali tecnici per la posa delle piastrelle, al fine di selezionare il prodotto adatto a qualsiasi esigenza.

¿Qué tipo de adhesivo debo emplear para la colocación de una cerámica sobre una membrana de impermeabilización cementosa?

Le membrane impermeabilizzanti cementizie, tipo GECOL Imper-E o GECOL Imper-R, sono prodotti sempre più utilizzati per le loro eccellenti prestazioni, capacità di impermeabilizzazione, per evitare piccole fessure, assorbire i diversi movimenti del supporto e per la possibilità di essere ricoperte direttamente, tramite l’utilizzo di un adesivo cementizio, con ogni tipo di piastrella.

 

Per questo, è necessario utilizzare in ogni occasione un adesivo cementizio deformabile (secondo la normativa EN 12004 tipo S1 o S2) in grado di assorbire i possibili allungamenti causati da questo tipo di membrane cementizie nelle lavorazioni per le quali sono state progettate.

 

GECOL dispone di un’ampia gamma di prodotti deformabili tipo S1: G100 Flex, G100 Flexible premium, G100 Flexible rápido e GECOL Flexible fluido o ad elevata deformabilità, tipo S2: GECOL Súper flexible e G100 Superflex.

 

La scelta di questi adesivi dipende dal tipo di applicazione, dimensione della piastrella o dalla rapidità di esecuzione.

SIGILLATURA DI CERAMICA E PIETRA

Cosa occorre in caso di malte per giunture con la consistenza di una boiacca?

Tradizionalmente, la fuga delle piastrelle veniva eseguita con cemento bianco o boiacca, che necessitavano di un elevato apporto di acqua nell’impasto.

 

Oggi, esistono nel mercato malte progettate per il riempimento delle fughe, molto più consistenti, di maggiore qualità e prestazioni finali e che richiedono una minore quantità di acqua.

 

È importante seguire in ogni momento le istruzioni indicate dalle schede tecniche di GECOL Junta-F PLUS, GECOL Junta-G PLUS e GECOL Junta premium, relative all’applicazione e alla quantità di acqua per l’impasto.

 

Di conseguenza, un’elevata percentuale di acqua, potrebbe provocare un indebolimento della fuga, così come carbonatazione e fessure.

Posso realizzare la posa di piastrelle senza giunti, di testa o a giunto unito?

Non è consigliabile, in nessun caso, poiché evitando di realizzare questi giunti, il movimento del supporto produrrà una collisione tra i pezzi, provocandone la rottura o il distacco.

 

Questi movimenti sono ancora più accentuati nei supporti e in caso di facciate, grandi superfici, lastre di gesso laminato, pavimenti con climatizzazione radiante, ecc…

Perché non è consigliabile pulire la malta per le fughe con lo sparto?

Lo sparto è una fibra naturale che, oltre a graffiare, potrebbe presentare sporcizia o polvere.

 

Per tutti questi motivi, il risultato finale porterebbe a fughe di colore diverso da quello desiderato.

 

Pertanto, consigliamo di utilizzare i materiali e gli strumenti presenti nei nostri manuali tecnici progettati a tale scopo.

RIVESTIMENTI DI FACCIATE

Perché la pietra di una malta monostrato con finitura in pietra proiettata dovrebbe essere asciutta?

È di vitale importanza che la pietra sia asciutta e pulita (lavata).

 

Si consiglia di lavare e stendere la pietra in reti su una superficie asciutta, spostandola di volta in volta per la sua completa asciugatura, prima di proiettarla.

 

Il fatto che la pietra sia bagnata o sporca creerà problemi nella finitura finale del rivestimento monostrato, poiché si manifesteranno carbonizzazioni dovute al fatto che l’umidità della pietra fornirà l’ambiente necessario affinché i sali intrinseci dei prodotti cementizi migrino verso l’esterno, manifestandosi in forma di macchie bianche, disturbando la finitura finale.

Sono comparse fessure su un rivestimento, a cosa possono essere dovute?

È una patologia tipica dei rivestimenti.

 

Le fessure si originano a seguito del movimento dei materiali.

 

Questi movimenti possono essere prodotti da cause meccaniche (ad esempio movimenti strutturali), igrotermiche (ad esempio tempo caldo e secco) e chimiche (comparsa di sale).

 

Quando i materiali che lavorano insieme in un elemento costruttivo, hanno movimenti equivalenti, questi non influenzeranno il comportamento dell’insieme.

 

Approssimativamente, le fessure possono essere classificate in questo modo:

 

1. Fessure o crepe graduali.

 

Si tratta di fessure o crepe con sezioni rettilinee, interrotte ad angolo retto coincidenti con la geometria dei pezzi che formano il supporto dell’intonaco.

 

La sua origine è dovuta movimento relativo dei blocchi o mattoni dell’edificio, attraverso i giunti di malta come elemento di minor resistenza.

 

Risolvere sempre il problema di fondo.

 

2. Fessure ramificate.

 

Sono quelli che sembrano partire da un centro e diffondersi a raggiera.

 

La causa principale di tali fessure è un’assenza di aderenza tra il rivestimento e il supporto, arrivando persino a svuotarsi.

 

Per evitare tali fessure, si consiglia di preparare adeguatamente la base, la quale dovrà essere pulita e il più possibile omogenea, prima di applicare il rivestimento.

 

3. Fessure a forma di scheggia.

 

Queste fessure non hanno una direzione precisa, sono solitamente fessure con una direzione caotica.

 

Tali fessure si producono a seguito del ritiro dovuto all’essiccamento idraulico.

 

Per evitare queste fessure è necessario realizzare una buona stagionatura della malta, mediante abbondanti innaffiature durante la presa e monitorando la mancanza di idratazione e conseguentemente le fessure da ritiro.

 

4. Altre cause

 

Differenze importanti di elasticità tra il supporto e il rivestimento, possono produrre movimenti importanti, che il rivestimento non è in grado di assorbire.

 

È necessario fare uno studio preventivo sulle differenze di coefficiente di dilatazione del supporto e del rivestimento.

 

Un’altra delle cause delle fessure è il mancato rispetto delle fughe di dilatazione del supporto.

 

Affinché ciò non accada, dovrà essere utilizzata una griglia di fibra di vetro per armare la parte della fuga e farla coincidere con la zona in cui andranno le bordature.

 

Conviene inoltre utilizzare una griglia di fibra di vetro al fine di assorbire i movimenti strutturali nelle zone in cui viene accumulata una maggiore tensione.

Dove si deve collocare la maglia in un rivestimento monostrato o intonaci?

Nei cosiddetti punti singolari, che corrispondono alle zone in cui si accumulano tensioni derivati dell’opera, e che possono provocare la fessurazione del rivestimento (unione di diversi materiali, mattone-calcestruzzo, lastre, colonne, cassonetti per tapparelle, telai di porte e finestre, ecc.).

 

Il trattamento da dare a queste zone consiste nell’incorporazione di un’armatura per rinforzare l’insieme, in grado di resistere alle tensioni senza fessurarsi.

 

La maglia deve avere una dimensione di 10×10 mm, essere resistente agli alcali (GECOL Malla 90) e sopportare le aggressioni del cemento.

Su un supporto di termoargilla, posso rivestire con qualsiasi tipo di malta per intonaco?

La termoargilla è un materiale ceramico argilloso alleggerito che offre ottime prestazioni termiche e acustiche.

 

Per la sua composizione e morfologia è necessario adottare una serie di accorgimenti per l’applicazione di una malta da rivestimento.

 

A seguito della sua elevata porosità, si consiglia prima di bagnare, soprattutto in caso di caldo o vento secco e successivamente collocare una maglia di fibra di vetro tra le giunture dei blocchi con altri materiali (colonne, lastre, architravi, blocchi, ecc.) ricoprendo almeno di 20 cm ad ogni lato delle giunture.

 

Si consiglia di passare un primo strato di 4 o 5 mm, a mo’ di primer, per evitare la manifestazione del blocco di termoargilla attraverso il rivestimento.

 

A seguire, applicare un secondo strato di circa 1 cm sopra a quello precedente, controllando sempre che il primo strato abbia una consistenza adeguata. In caso contrario, consigliamo di bagnare il supporto.

 

Applicare infine GECOL Revoco o GECOL Monocapa (in ognuna delle sue gamme) seguendo sempre le istruzioni di posa indicate nella Scheda Tecnica.

Su un supporto di rinzaffo ``in situ`` nell'opera posso collocare su di esso una malta monostrato?

È sempre necessario controllare il supporto su cui realizzeremo il lavoro.

 

In caso di malte realizzate in situ, la maggior parte delle volte sono povere di cemento, ottenendo un supporto con una porosità molto elevata e poca resistenza.

 

Un supporto molto poroso, potrebbe provocare una rapida essiccazione della malta monostrato, generando perdite di resistenza, avvallamenti, fessurazioni, nonché una significativa diminuzione delle sue proprietà fisiche.

 

Per tutti questi motivi, si consiglia di utilizzare sui supporti con elevata porosità o poca resistenza, un primer con GECOL Primer–TP prima di applicare GECOL Monocapa.

Posso realizzare un rinzaffo con una malta per murature?

Le malte per murature, secondo la normativa vigente, sono progettate per la realizzazione di murature (facciate, muri, pilastri, divisori), stuccature e trabeazione. Per cui, al momento del rinzaffo o dell’intonacatura, ci presentano una serie di imprevisti dovuti alla loro rapida essiccazione, fessure da ritiro, mancanza di aderenza e durezza superficiale, ecc.

 

Al fine di evitare tutti questi inconvenienti e per una corretta esecuzione di un rinzaffo o rivestimento, GECOL ha progettato prodotti specifici di varia natura (conglomerante idraulico/calce, calce aerea e calce idraulica) nelle gamme GECOL Monocapa e GECOL Revoco.

Cosa sono e perché compaiono macchie bianche sulla malta di rivestimento?

Sono le cosiddette carbonatazioni.

 

I rivestimenti che contengono nella loro composizione cemento o calce, quando vengono applicati in periodi freddi o umidi, dopo alcuni giorni dall’applicazione, possono presentare macchie biancastre sulla superficie.

 

Questa macchie sono provocate dall’apporto e la deposizione continua di sali solubili in acqua sulla superficie di rivestimento.

 

Questi sali sono intrinseci e indispensabili per il corretto indurimento del rivestimento.

 

Quando il rivestimento asciuga in modo rapido, i sali restano al suo interno. In questo caso la carbonatazione non è visibile.

 

Queste macchie non influiscono sulle prestazioni del rivestimento. Tuttavia, alterano chiaramente l’aspetto estetico dello stesso; soprattutto quando si utilizzano rivestimenti di colori scuri.

 

Per questi motivi è necessario evitare di lavorare in periodi freddi o piovosi e, qualora non fosse possibile, si consiglia di proteggere i piani di lavoro, sia dalla pioggia che dal freddo.

Quali passi bisogna seguire per applicare una malta di rivestimento su un supporto di calcestruzzo?

I calcestruzzi presentano una superficie molto liscia, dall’aspetto vetrificato, poca porosità, che impedisca una buona aderenza dei rivestimenti minerali, come le malte monostrato, che agiscono per mezzo di un’aderenza meccanica.

 

Aggiungendo resine sintetiche alle malte, oppure, mediante l’applicazione di un ponte di unione, otterremo l’aderenza chimica necessaria per ottenere una buona presa sulle superfici lisce o senza porosità, come nel caso del calcestruzzo liscio.

 

Sia GECOL Látex in aggiunta alle malte, che GECOL Primer-M come ponte di aderenza, sono i prodotti più adatti per l’esecuzione di questi lavori.

Su un supporto antico o senza consistenza, che tipo di malta di rivestimento posso utilizzare?

Utilizzando sempre una malta di rivestimento, è necessario verificare prima lo stato del supporto, poiché con il trascorrere degli anni le facciate potrebbero aver subito un deterioramento.

 

La continua esposizione ai fenomeni meteorologici (piogge, gelate, cambi bruschi di temperatura, inquinamento, ecc.) produce l’invecchiamento naturale dei supporti.

 

È inoltre necessario conoscere le caratteristiche e il comportamento dei materiali che li compongono (mattoni, pietre naturali, malte di calce o cemento, ecc.), per fare una scelta adeguata del nuovo rivestimento.

 

Si consiglia una pulizia completa della muratura, eliminando le fughe e tutti gli elementi degradati, lavando con acqua a pressione per pulire la superficie del supporto, lasciandolo libero da funghi, polvere, resti di vernice, parti degradate, ecc.

 

Successivamente, regolarizzare il supporto con GECOL Sec cal / GECOL Sec cal-H per ottenere una planimetria corretta prima dell’applicazione del nuovo rivestimento.

 

Sui supporti molto assorbenti e/o facilmente disgregabili è necessario applicare uno strato di primer con GECOL Primer-TP diluito 1:3 in acqua, come consolidante e per chiudere i fori.

 

Infine, utilizzare GECOL Revoco cal / GECOL Revoco cal-H per ottenere la finitura desiderata.

 

Le malte di calce si adattano perfettamente alle peculiarità che presentano i supporti più vecchi, offrendo un rivestimento altamente decorativo per ogni tipo di facciata e interno, così come per il restauro di vecchie costruzioni ed edifici emblematici.

Con un supporto di calcestruzzo cellulare, che tipo di rivestimento devo utilizzare?

I supporti di calcestruzzo cellulare, per le loro caratteristiche tecniche di bassa densità e basso peso unitario, presentano un’elevata porosità che potrebbe provocare la disidratazione o il rapido assorbimento dell’acqua di impasto della malta di rivestimento, impedendo il corretto sviluppo delle sue prestazioni meccaniche.

 

Per questo dovranno essere realizzate una serie di misure preventive come l’umidificazione del supporto (senza saturarlo) e la successiva asciugatura.

 

Successivamente, utilizzare il primer GECOL Primer–TP diluito 1:3 in acqua, come regolatore di assorbimento e successivamente collocare una maglia di fibra di vetro tra le giunture dei blocchi con altri materiali (colonne, lastre, architravi, blocchi, ecc.) ricoprendo almeno di 20 cm ad ogni lato delle giunture.

 

Si consiglia di passare un primo strato di 4 o 5 mm, a mo’ di primer, per evitare la manifestazione del blocco di calcestruzzo cellullare attraverso il rivestimento.

 

A seguire, applicare un secondo strato di circa 1 cm sopra a quello precedente, controllando sempre che il primo strato abbia una consistenza adeguata. In caso contrario, si consiglia di bagnare prima di applicare il secondo strato.

 

Infine, applicare GECOL Monocapa premium, seguendo tutte le istruzioni per la posa presenti nella Scheda Tecnica.

 

Questo tipo di prodotto è ideale per un supporto con le caratteristiche del calcestruzzo cellulare, poiché è un materiale leggero che si adatta perfettamente al supporto e contribuisce all’isolamento termico della facciata.

Perché è necessario utilizzare bordi in una facciata di malta monostrato?

I bordi, oltre ad offrire molteplici soluzioni estetiche, servono per pianificare e separare i diversi piani di lavoro.

 

La distanza tra le fughe viene stabilita dalla superficie di piano che può essere applicata in una volta, consigliando una distanza minima tra le fughe di 2,5 m x 7 m.

 

Inoltre, le malte di rivestimento (monostrato, intonaco di calce, ecc.) non permettono “giunzioni”, quindi l’utilizzo di bordi rappresenta la soluzione più appropriata, evitando in tutti i casi indebolimenti, toppe e giunzioni, ecc.

PROTEZIONE E IMPERMEABILIZZAZIONE

Ho un'umidità ascendente sulla parete. A cosa può essere dovuta?

Normalmente, l’umidità che compare all’interno delle abitazioni all’altezza del battiscopa dipendono dall’ascensione capillare.

 

Questo tipo di umidità è dovuta al muro che assorbe l’acqua dal terreno, salendo attraverso il muro cercando di evaporare.

 

A sua volta, questa umidità trasporta i sali contenuti nel suolo, depositandoli nella parte esterna del muro.

 

Questi sali, a contatto con l’umidità si idratano, aumentando di volume e provocando la rottura interna dell muro, arrivando persino al deterioramento del rivestimento.

 

In questi casi, si consiglia una sanificazione completa del muro, arrivando fino al supporto di base, eliminando i sali e le impurità con GECOL Desincrustante, e l’applicazione successiva di GECOL Aqua mur, GECOL Aqua mur cal o GECOL Aqua mur cal-H . Si tratta di malte macroporose e porogene, che facilitano la respirazione del muro, facendo evaporare l’umidità da risalita capillare.

 

L’elevato indice di porosità che presenta questa gamma di prodotti, impedisce ai sali di depositarsi nelle sue cavità, ottenendo di conseguenza una minore degradazione del rivestimento finale.

 

La finitura di questo prodotto deve essere raschiata o rustica, non liscia, poiché ciò chiuderebbe le cavità attraverso le quali il muro respira.

Posso impermeabilizzare una parete in muratura di mattoni con una malta di rivestimento spessa?

Sono frequenti i casi di muri in mattoni o blocchi di cemento, con fughe non riempite in modo adeguato e, di conseguenza, con spazi vuoti di vari centimetri tra di l’uno e l’altro.

 

Se per l’impermeabilizzazione di un muro utilizziamo una malta a strato fino, ci troviamo di fronte alle difficoltà di dover riempire tutti questi spazi vuoti.

 

La cosa migliore da fare è utilizzare una malta impermeabile a strato spesso, molto più consistente e in grado di migliorare le condizioni di esecuzione.

 

Per questo, la soluzione tecnica passa per l’utilizzo del prodotto GECOL Imper-G.

 

Si tratta di una malta impermeabilizzante a strato spesso, formulata con cementi resistenti ai solfati e alle acque aggressive che permettono, grazie alla loro composizione, di coprire gli spessori sufficienti per assorbire le irregolarità del muro in mattoni o blocchi di cemento.

Ho bisogno di impermeabilizzare una fossa dell'ascensore attraverso il quale penetra acqua. Qual è la migliore soluzione?

Ci troviamo di fronte a casi che presentano muri interrati non impermeabili, con penetrazione di acqua che, in molti casi, può mettere in pericolo le strutture che proteggono.

 

Quest’acqua è accompagnata da sali disciolti nel terreno che possono produrre diverse patologia in grado di rovinare il muro.

 

La maggior parte degli impermeabilizzanti tradizionali (tele asfaltiche, vernici asfaltiche o in gomma), non resistono alla contropression dell’acqua esercitata all’esterno del muro.

 

Tuttavia, le malte tecniche GECOL Imper-F e GECOL Imper-G sono degli impermeabilizzanti cementizi, formulati a base di cementi speciali, che resistono ai sali disciolti e acque aggressive, così come la contropressione dell’acqua.

MALTE DI MONTAGGIO

Posso utilizzare un adesivo per alzare un muro con blocchi di vetro?

A seguito della natura del vetro, ci troviamo di fronte ad un livello di porosità pressoché nullo. Di conseguenza dovremo utilizzare materiali creati a tale scopo.

 

L’utilizzo di una malta collante, non è consigliabile per l’elevato ritiro, oltre alla sua applicazione difficile da eseguire, poiché tendono a gonfiarsi a causa dell’elevato peso del blocco.

 

Sarebbe inoltre necessario avere un alto indice di viscosità dell’adesivo, che ne rende difficoltosa l’applicazione con la spatola.

 

La cosa migliore da fare è utilizzare una malta tecnica come GECOL Glass. Ci troveremmo di fronte ad una malta additiva con resine ridisperdibili, di grande consistenza e finissima, ideale, sia per l’assemblaggio che per la stuccatura di mattoni di vetro, nella stessa operazione.

Per realizzare un tramezzo con ceramica di grande formato, quali vantaggi ha una malta cementizia rispetto agli adesivi per intonaco?

I vantaggi dell’utilizzo di un prodotto cementizio come GECOL Tabique cerámico sono molto significativi rispetto ad altri a base di gesso o intonaco.

 

A grandi linee potremmo evidenziare:

 

  1. Può essere collocato all’esterno o nei luoghi con un’umidità permanente (cucine e bagni), poiché una volta indurito non si degrada come i prodotti a base di gesso, se aggredito dall’acqua o dall’umidità.
  2. Non è necessario un materiale specifico nella successiva installazione di un rivestimento ceramico, poiché il materiale di installazione e l’adesivo per piastrelle sono della stessa  natura (cementizia).
  3. Non attacca gli elementi metallici presenti in un edificio, al contrario dei prodotti a base di gesso o intonaco.

Perché devo utilizzare una malta speciale per fabbricare un barbecue o un camino?

In tutte quelle situazioni in cui si raggiungono temperature elevate, utilizzare una malta refrattaria, dato che una malta tradizionale (cemento portland + inerti tradizionali) non potrebbe sopportarle, soprattutto quelle che si raggiungono nella zona barbecue.

 

GECOL Refractario è composto da cemento e inerti refrattari, la cui caratteristica principale è quella di possedere un alto contenuto di disossidanti che, una volta raggiunta una temperatura elevata (fino a1150 º C) tende a vetrificarlo, evitando il suo deterioramento.

Come posso isolare l'intercapedine di un edificio?

La cosa migliore da fare è utilizzare una malta adesiva impermeabilizzante sul retro della parete, che impedisca la penetrazione dell’acqua, mantenendo la sua permeabilità al vapore e permettendo all’edificio di respirare correttamente.

 

Su questa malta adesiva si può fissare l’isolamento con una lana minerale, polistirene estruso, lane minerali rigide e sughero naturale.

 

Da qui, a seconda della natura del materiale isolante, utilizzeremo:

 

  • GECOL Lana mineral è una malta impermeabile, additivata con plastificanti, che le consentono un’elevata aderenza, sia al supporto che all’isolante in lana minerale.

 

  • GECOL Term è una malta adesiva fibrorinforzata, flessibile e impermeabile per l’adesione di pannelli isolanti in polistirene espanso (EPS), polistirene estruso (XPS), lana minerale rigida (LW) e sughero naturale.

Per un sistema di isolamento termico esterno (SATE), posso utilizzare come indurente della superficie una malta monostrato convenzionale?

I sistemi di isolamento termico esterno ETICS o SATE, consistono nel fissaggio di una lastra isolante (EPS, XPS o lana minerale) al supporto dell’edificio, ricoperto successivamente con la stessa malta.

 

Si consiglia di realizzare entrambe le operazioni con lo stesso prodotto, sviluppato appositamente per questo scopo.

 

Consisterà nell’utilizzo di una speciale malta, formulata a base di resine ridisperdibili e rinforzata con fibre, ad elevata aderenza chimica, su cui verrà imbevuta la rete in fibra di vetro resistente agli alcali.

 

GECOL Term è una malta adesiva per il montaggio e il rivestimento di pannelli isolanti (EPS, XPS o lana minerale), fissato sulla facciata da risanare.

 

Grazie alla sua resistenza e granulometria sottile, è il prodotto idoneo per il rivestimento, l’indurimento e la finitura della lastra isolante e della grata.

Como posso giuntare un muro di pietra naturale?

Esistono in mercato diversi tipi di malte per giunti, creati appositamente per la stuccatura di piastrelle e pietra naturale.

 

Tuttavia, in caso di muri di pietra naturale, non si consiglia l’utilizzo di tali malte.

 

Di solito, le malte per i giunti oscillano, nelle loro raccomandazioni tecniche, in spessori massimi di applicazione di circa 20 mm.

 

Le pietre naturali, in questo tipo di applicazioni, possono essere molto irregolari, sia per quanto riguarda lo spessore, le forme, pertanto gli spessori di applicazione e la profondità differiscono dai livelli massimi indicati precedentemente.

 

Al contrario, GECOL Encintado è la malta idonea per la realizzazione di questo tipo di opere, grazie ai suoi additivi e la granulometria compensata che conferisce proprietà idonee per la sua esecuzione, sia per quanto riguarda lo spessore che la profondità stabilità dalle pietre naturali.

ELEVAZIONE E LIVELLAMENTO DI FONDI

Posso applicare una pasta livellante su un massetto con riscaldamento radiante?

Per l’applicazione di una pasta livellante su un pavimento con riscaldamento radiante dobbiamo tenere conto di diversi fattori:

 

  • Uno studio preliminare del massetto cementizio, normalmente realizzato “in situ”, dovendo realizzare un primer indurente e in grado di chiudere i fori, per l’ottenimento di un supporto adeguato.

 

GECOL Primer-TP è il primer indurente chiudi-fori adatto per l’ottenimento di un supporto resistente, stabile e un ottimo livello di assorbimento.

 

  • L’utilizzo di una pasta livellante , capace di adeguarsi ai gradienti di temperatura tipici di queste tipologie di supporti con riscaldamento radiante.

 

GECOL Nivelante 10-R PLUS è la pasta livellante a presa rapida e resine ridisperdibili, adatta per tollerare perfettamente gli sbalzi di temperatura che si verificano nel pavimento.

 

  • Il trattamento di giunti, la posa di giunti perimetrali negli angoli e le variazioni di piano, altezza o materiale, giunti di dilatazione, tra aperture di porte e giunti strutturali presenti nell’edificio.

 

Tutti i giunti di movimento verranno riempiti con mastici elastici GECOL Elastic-MS.

 

  • Per una finitura omogenea e al fine di evitare “crateri”, si consiglia di utilizzare un rullo a punte per eliminare l’aria chiusa all’interno del prodotto.

RIPARATORI DI CALCESTRUZZO

Sul calcestruzzo, quali differenze esistono tra riparazioni estetiche e riparazioni strutturali?

A seconda delle prestazioni richieste dai diversi elementi in calcestruzzo, possono appartenere alla struttura dell’edificio, oppure ad aree che, essendo richiesta resistenza, non fanno parte della struttura che sostiene l’edificio.

 

Considerando la funzione di ogni elemento, la riparazione può essere realizzata con GECOL Reparatec R2, in caso di riparazione cosmetica in un elemento non strutturale (cordolo, bordo di un balcone, riparazione di piccole parti in calcestruzzo, ecc.).

 

A seconda degli spessori o delle prestazioni aggiuntive richieste (presa rapida, autolivellamento, ecc.) possiamo utilizzare malte di riparazione della gamma GECOL Reparatec R4.

 

Se l’area da riparare è calcestruzzo facente parte di una struttura (un pilastro, una colonna portante, una soletta, ecc.) deve essere risolta utilizzando i diversi prodotti della gamma GECOL Reparatec R4, malte da ripristino strutturale, che forniscono una maggiore resistenza ai carichi che supportano.

MALTE PER ANCORAGGI MECCANICI

Perché una malta di tipo Grout deve essere confinata o in cassaforma?

Bisogna considerare le necessità a cui risponde questo prodotto.

 

GECOL Grout 100 serve solo per l’ancoraggio di macchinari e per il riempimento.

 

Per ottenere un rafforzamento dell’unione tra la malta e l’elemento metallico da fissare, vengono fornite proprietà leggermente espansive, che avranno una risposta corretta ogni volta che la useremo in luoghi confinati, esercitando così un rafforzamento della presa.

 

Non avrebbe senso utilizzare una malta in un luogo aperto, poiché le sue proprietà espansive non offrirebbero la risposta adeguata allo scopo richiesto.

MALTE, CALCESTRUZZI E CONGLOMERATI

È possibile alzare un muro di mattoni con un cemento adesivo o con una malta da rivestimento?

Per realizzare pareti in mattoni, servono prodotti con consistenza e resistenza, in grado di sopportare l’intero carico esercitato su di essi.

 

In generale, le malte per intonaci e gli adesivi cementizi, presentano nella loro formulazione additivi che conferiscono loro alcuni benefici (siano resine spruzzabili, resine ridispersibili, aeratori, ecc.), che interferiscono con le suddette esigenze e conseguentemente producono fallimenti in termini di consistenza o resistenza nell’esecuzione del muro.

 

La gamma di malte per muratura GECOL Sec, catalogate come GM-2,5, GM-5 y GM-7,5 secondo la Norma EN 998-2 “Malte per muratura”, in base alla loro resistenza finale (2,5 N/mm2, 5 N/mm2 y 7,5 N/mm2 rispettivamente), hanno le proprietà necessarie per la realizzazione di queste opere in muratura, come massetti, pareti, ecc.

Qual è la differenza tra una malta per muratura e un calcestruzzo secco?

A grandi linee, le differenze riguardano:

 

1. Dimensione inerti:

– Malte per muratura: dimensione massima 1-2 mm

– Calcestruzzo secco: dimensione massima 12 mm.

 

2. Resistenza finale:

Malte per muratura: massime da 75 kg / cm2 – 100 kg / cm2.

Calcestruzzo secco: a partire da 250 kg / cm2.

Queste differenze ci indicano i principali utilizzi di questi prodotti.

 

GECOL Sec è una gamma di malte per muratura, create appositamente per la realizzazione di massetti, pareti in mattoni, ecc.

 

GECOL Hormigón seco serve invece per la realizzazione di applicazioni non strutturali ad alta resistenza, come: pavimenti, fondazioni, riempimenti, canalizzazioni, riparazioni varie e divisori in calcestruzzo.

MALTA DI CALCE

Qual è la differenza tra una malta in calce e una in cemento?

La differenza principale riguarda la natura del conglomerante o dell’agente indurente (calce o cemento).

 

Le malte di cemento Portland, induriscono a seguito dell’azione dell’acqua e possono raggiungere un’elevata resistenza meccanica in un breve lasso di tempo.

 

Le malte di calce (aerea o idraulica), al contrario induriscono per l’azione dell’aria o dell’acqua.

 

Inoltre, tra le sue principali caratteristiche sottolineiamo il carattere ecologico, dovuto alle basse emissioni di CO2 durante il suo processo di fabbricazione, per l’elevata permeabilità al vapore acqueo, che previene la sindrome dell’edificio malato e per adattarsi meglio al supporto dopo l’indurimento.

Qual è la differenza tra una malta aerea e una idraulica?

La principale differenza risiede nella forma di indurimento.

 

La calce aerea indurisce a contatto con l’aria, dopo aver perso l’acqua di impasto, mentre la calce idraulica indurisce a contatto con l’acqua.

 

La calce aerea viene chiamata calce o idrossido di calce – Ca (OH)2-– mentre la calce idraulica viene denominata come un cemento naturale bianco.

 

In quanto al processo di fabbricazione, la calce idraulica necessita di un maggior apporto di energia rispetto alla calcinazione tradizionale, nel suo processo di trasformazione.

 

La calce aerea apporta una maggiore lavorabilità e flessibilità a seguito della sua consistenza sottile. Possiede inoltre un’elevata porosità, responsabile di un massimo effetto di compensazione dei vapori d’acqua nell’abitazione (maggiore permeabilità al vapore acqueo), oltre che di un migliore isolamento termico.

 

La calce idraulica ha una maggiore resistenza alla compressione, una maggiore resistenza iniziale, oltre a tollerare il trasferimento di umidità e sali minerali.

 

Per tutto ciò si può identificare come la calce aerea sia più “ecologica” della calce idraulica, per le sue caratteristiche di fabbricazione e permeabilità.

ADDITIVI TECNICI, PULITORI E CONSOLIDANTI

Qual è la differenza tra un ponte di aderenza e un primer?

I ponti di aderenza migliorano l’unione tra il supporto e il successivo rivestimento, ottenendo un’aderenza piena tra un supporto non assorbente e una malte a base di cemento o calce.

 

I primer sono di vario tipo, possiamo trovare primer consolidanti o indurenti di superficie, in grado di migliorare la resistenza della nostra malta; primer chiudi-fori, che regolano l’assorbimento del supporto; primer colorati GECOL Cril (diluizione 30 %), utilizzati negli elementi decorativi e nella partizione dei piani di lavoro nelle applicazioni di GECOL Revestcril; ecc.

 

GECOL Primer-M è un ponte di aderenza, destinato solamente alla preparazione di calcestruzzi lisci e non assorbenti, di fronte all’applicazione di una malta.

 

È addizionato con cariche minerali, per favorire una maggiore superficie di ancoraggio alla malta applicata.

 

GECOL Primer-TP è un ponte di unione, che nella sua forma pura (non diluita) viene utilizzato per far aderire piastrelle su altre piastrelle.

 

Può essere anche diluito. In questo caso, il suo utilizzo viene esteso alle applicazioni come agente chiudi-pori e consolidante di superfici in gesso, malta e calcestruzzo.